Il filatelista

La filatelia stabilì i parametri di qualsiasi collezione, anzi dei due tipi possibili di collezione: quella individuale e quella sistematica. La prima consiste nel raccogliere un po’ quel che si vuole, e se manca un pezzo pazienza. Tipico esempio le opere d’arte: sono talmente tante, non puoi possedere, che so, “tutti” i futuristi. La seconda – che riguarda solo francobolli e monete – è quella dove puoi in teoria avere tutto, e di conseguenza quella dove ci sarà sempre la famosa casella vuota che non ti lascia dormire di notte.
Alberto Bolaffi, intervista su La Stampa, 2015

C’era una volta questo luogo abbandonato, un tappeto di francobolli nello studio e mille scatolette colorate dai francobolli che qualcuno aveva gelosamente custodito per anni.

C’era…

fino a ieri …

poi qualcuno lo ha depredato.

Questo mi lascia senza parole

Spero solo che non sia qualcuno che si finge un fotografo urbex, perchè queste cose non fanno parte della nostra filosofia di pensiero sul custodire i luoghi abbandonati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.