HEREM  è una parola  ebraica di origine antichissime teorizzata nel Deuteronomio e designa uno spazio sacro intoccabile di proprietà divina che deve essere «consacrato» a Dio, ma non come tutti possiamo pensare, bensì attraverso una sorta di olocausto e con una loro radicale distruzione.

HEREM è un anatema, una maledizione, un sacrificio di un luogo o di una cosa ormai maledetta, che non si può più toccare e che deve essere votato alla distruzione completa.

HEREM non vuole essere solo una mostra fotografica, non vuole solo raccontare distruzione e abbandono, ma vuole portare lo spettatore a riflettere su cosa sta succedendo in questi anni.

L’abbandono di certi spazi è solo stato il primo sintomo di un fenomeno più grande di allontanamento dalla religione, di disgregazione del concetto di comunità, di nuove ideologie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.