Gli affreschi perduti di Palazzo T.

Quante cose puoi fare con un foglio di carta bianca.

Puoi scriverci sopra e perderti nell’immaginazione.

Puoi farne un aeroplanino e perderti nell’universo.

Fabrizio Caramagna

Quando siamo arrivati davanti a questo palazzo non pensavamo di trovare molto all’interno. La struttura è un’architettura tipica delle campagne padane costruita attorno a un’aia centrale con un corpo abitativo imponente e un’ala di servizio dedicata al lavoro. La costruzione dell’inizio del XX secolo esternamente comunica veramente poco anche se imponente e ci sembrava quasi perdere tempo ad esplorarla.

Invece appena varcato l’ingresso secondario subito a fianco di una vecchia cucina abbandonata, abbiamo avuto una sorpresa: un magnifico salone affrescato e un vetro decorato con un mosaico colorato sul vecchio portone del vero ingresso principale con una luce magica.

Il resto delle stanze è quasi completamente spoglio, particolare la scala piena di aeroplanini di carta… chissà chi avrà desiderato tanto di volar via da qui per costruirne così tanti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.