Verde Speranza

LA SERRA DALLE VETRATE COLORATE

A chi mi domanda ragione dei miei viaggi,

Solitamente rispondo che so bene quel che fuggo,

ma non quello che cerco.

(Michel de Montaigne)

Pandora, un giorno scoperchiò il vaso, liberando così tutti i mali del mondo, che erano gli spiriti maligni della vecchiaia, gelosia, malattia, pazzia e il vizio. Sul fondo del vaso rimase soltanto la speranza, che non fece in tempo ad allontanarsi prima che il vaso venisse chiuso di nuovo. Dopo l’apertura del vaso il mondo divenne un luogo desolato ed inospitale simile ad un deserto, finché Pandora lo aprì nuovamente per far uscire anche la speranza, ed il mondo riprese a vivere.

Ogni tanto ho bisogno di staccare, prendere la valigia e andarmene via un paio di giorni, per “ritrovarmi” o per perdermi in qualche luogo senza pensare a nulla.

Questa volta avevo bisogno di ritrovare la mia passione per l’urbex, ricordarmi perchè mi piacciono questi luoghi silenziosi e piene di polvere, ripensare sul perchè merita farli nuovamente rivivere con le nostre fotografie…

Riportare alla mente cosa vuol dire rimanere senza parole ammirando certe stanze affrescate o in questo caso i vetri colorati di questa serra dimenticata.

Avevo bisogno di ricordarmi che questa passione ti porta a conoscere e stringere amicizie con persone che abitano a centinaia di Km di distanza e che non avresti mai avuto la possibilità di incontrare. Ma soprattutto ricordarmi che riesco a vedere dei luoghi che rimangono nascosti agli occhi della maggior parte delle persone.

Questo piccolo viaggio mi è servito a mettere da parte un po’ di astio contro chi non ha capito nulla dell’urbex, contro chi desidera soltanto trovare il posto più arredato, più bello senza curarsi se sia davvero abbandonato.

Mi sono bastati due giorni, un po’ di km sotto il sole caldo tra strade impolverate e silenziose per ritrovare quello che cercavo, per rinnovare la mia passione per questi tesori nascosti abbandonati e riempirmi gli occhi e la testa di tanta bellezza dimenticata per continuare a cercarli e sperare che prima o poi veranno recuperati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.