La chiesa dei Matti

Sono nata il ventuno a primavera

ma non sapevo che nascere folle,

aprire le zolle

potesse scatenar tempesta.

Alda Merini

Questo manicomio, attualmente abbandonato, fu concepito da Cesare Lombroso, uno dei padri della criminologia, che a partire dai primi anni del 1862 insegnò Psichiatria in Lombardia. L’edificio fu inaugurato nel 1876. Venne costruito fuori dal centro abitato, per tenere completamente separati i “matti” dai “sani”, come si usava fare in quell’epoca, in cui queste persone erano totalmente discriminate.

E’ un’enorme struttura, di 63mila metri quadrati, con aree a pianta circolare dette “la rotonde dei furiosi”, dove venivano ospitati i degenti più violenti. Complessivamente arrivò ad ospitare 1.029 pazienti e ad avere oltre 400 dipendenti

La struttura è un pregevole esempio di architettura sanitaria ottocentesca sorto sulle ceneri di un antico convento francescano del quale è rimasto solo un pozzo alla destra della chiesa posizionata nel mezzo del complesso.

Ecco gli interni di questa chiesa ancora meravigliosamente intatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.